Ultima modifica: 28 marzo 2018

Sistema Invalsi

image_pdfimage_print

PROVE INVALSI DEL 2018
Calendario delle rilevazioni

  • 3 maggio 2018: prova d’Inglese V primaria;
  • 9 maggio 2018: prova di Italiano II e V primaria e prova di lettura (solo per le classi campione della II primaria);
  • 11 maggio 2018: prova di Matematica II e V primaria;
  • Dal 04.04.2018 al 21.04.2018: prove di Italiano, Matematica e Inglese classi III della scuola secondaria di primo grado.

Gli alunni delle diverse classi sosterranno le prove secondo un calendario interno che verrà loro comunicato

Per approfondire…

FAQ

1) Perchè facciamo le prove INVALSI?
Perchè sono lo strumento utilizzato per rilevare e misurare periodicamente il livello di apprendimento degli studenti italiani. Gli standard delle prove sono definiti a partire dalle Indicazioni per il curricolo del Ministero. Attualmente si prevede la somministrazione di prove oggettive di italiano e matematica, discipline scelte anche per la loro valenza trasversale. È inoltre prevista la somministrazione di un questionario anonimo.

2) A chi sono rivolte?
Le prove INVALSI sono rivolte a tutti gli studenti che frequentano le seguenti classi:

  • II e V primaria;
  • III secondaria di I grado;
  • II secondaria di II grado.

3) A cosa e a chi servono?
Servono per monitorare il Sistema nazionale d’Istruzione e confrontarlo con le altre realtà comunitarie ed europee. In particolare servono:

1) A ciascuno studente perché è un diritto conoscere il livello di competenze raggiunto;
2) Alle singole istituzioni scolastiche per l’analisi della situazione al fine di mettere a punto eventuali strategie di miglioramento;
3) Al Ministero dell’ Istruzione per operare investimenti e scelte politiche.

4) Chi prepara le prove?
Le domande delle prove, i cui contenuti rispettano un preciso quadro di riferimento sia per l’italiano sia per la matematica, sono predisposte da insegnanti dei diversi livelli scolastici opportunamente formati. Queste domande sono prima testate su un campione ristretto di studenti per verificarne l’affidabilità e la validità e successivamente, solo quelle valide vengono scelte collegialmente da un team di esperti.

5) Perché sono importanti?
Le prove, che per ciascun livello di classe si svolgono sul territorio nazionale nella stessa giornata, sono importanti erché permettono di confrontare ciascuna classe e ciascuna scuola con:
– L’intero Paese
– Le macroaree geografiche
– Le singole regioni/province
– Le scuole della stessa tipologia.
Le prove servono a confrontarsi col sistema nel suo complesso e rappresentano uno strumento in più ma non  sostituiscono la valutazione dell’insegnante.

6) E’ necessaria una preparazione?
Per affrontare le prove non è richiesta alcuna specifica forma di preparazione. Se tu, però, volessi vedere come sono fatte e provare a farle, ricorda che le prove degli anni precedenti sono scaricabili dal sito dell’INVALSI.

7) A cosa serve il questionario?
Il questionario, anonimo, serve a raccogliere preziose informazioni sulle caratteristiche degli studenti di una scuola e sul loro contesto familiare. Gli studenti più grandi possono esprimere sempre in forma anonima, opinioni sulle  attività della scuola ed esplicitare le loro esigenze. Le informazioni raccolte con i questionari offrono un’ulteriore chiave di lettura dei dati e permettono di confrontare in maniera più equa, i risultati di scuole diverse e di fornire  maggiori supporti a quelle scuole che operano in un contesto difficile.

8) In che forma vengono restituiti i risultati?E a cosa servono?
I risultati delle prove sono restituiti alle singole scuole in forma privata e anonima. Ciascuna scuola potrà analizzare dunque i risultati dell’apprendimento dei propri studenti confrontandoli al proprio interno (classi della stessa scuola) e con altre scuole. Questa comparazione consentirà a ogni Istituto scolastico di valutare la propria efficacia
educativa e di riflettere sulla propria organizzazione didattico-metodologica al fine di promuoverne il miglioramento.

9) Cosa si intende per classi “campione” ?
Affinché le scuole possano confrontare i loro dati con l’esterno, l’INVALSI individua per ciascun livello scolare alcune classi campione rappresentative di tutte le realtà scolastiche italiane, i cui risultati fanno da standard di riferimento. TUTTE le scuole devono effettuare le prove perché obbligatorie per legge (art. 51 comma 2 del Decreto-Legge 9  febbraio 2012, n. 5 convertito in legge n. 35).

Condividi su...